sabato 29 aprile 2017 - Aggiornato alle 14:38 - Utenti connessi: 0

Attualità

AttualitàMazara. Schiacciati da bombole di gas vuote, un morto ed un ferito

(ANSA) E' di un morto e un ferito il bilancio di un incidente sul lavoro che si è verificato ieri mattina in un distributore di carburante di contrada Malerba a Mazara del Vallo. A perdere la vita è stato P. G., 37enne originario della Bulgaria e residente a Fano, nelle Marche, mentre il ferito è G. L. F., di 42 anni, della provincia di Pesaro-Urbino. I due uomini, per conto di una azienda specializzata di Ancona, stavano installando un compressore per la riduzione dell'erogazione del metano quando sono stati investiti e schiacciati, per cause da accertare, da pesanti serbatoi in ferro vuoti utilizzati per l'accumulo dell'idrocarburo depressurizzato. I primi soccorsi sono stati prestati da alcuni operai edili che per liberare il 37enne e il 42enne sono intervenuti con un escavatore, le operazioni sono state poi portate avanti dai vigili del fuoco che nel frattempo hanno raggiunto il posto. Le condizioni di P. G. sono subito apparse molto gravi. Il 37enne è stato trasferito all'ospedale di Marsala dove è poi deceduto e dove la salma rimane per il momento a disposizione dell'autorità giudiziaria, mentre G. L. F. è stato curato all'area di emergenza-urgenza di via Livorno, a Mazara del Vallo, da dove è stato subito dopo dimesso. Sull'accaduto indagano gli agenti del Commissariato giunti, così come personale dell'Asp, anche loro sul luogo dell'incidente che è stato posto sotto sequestro. (ANSA).

21/4/2017 | 07:14

© RIPRODUZIONE RISERVATA Visualizzazioni 448  |  di Redazione , autore

Commenta la News

Il mio indirizzo IP sará registrato Invia il commento

Telegiornali

Interviste

Calcio

GLI ULTIMI COMMENTI

Mazara. In fase di ultimazione i lavori di arredo e sistemazione dell’area tra le vie Emilia Romagna e Veneto

cittadino delle periferie

quali periferie?

Quali periferie cerca di recuperare il Signor sindaco? Ha mai visitato le strade mai asfaltate della citta? Via Bernhard Berenson, per esempio, una delle strade più disastrate di Mazara del Vallo. Invece di mettere le piastrelle sulla scalinata delle vie di cui all'articolo avrebbe fatto meglio a dare ad altre vie i servizi di prima urbanizzazione. in via Berenson abita gente da più di 50 anni.

Spese pazze all’ARS. Archiviazione per Toni Scilla ed altri 17 deputati

Gory

Furti Autorizzati

Che ci lamentiamo a fare, se la magistratura autorizza lo sperpero del denaro pubblico!

Appello del Coordinamento all'unità per il porto di Mazara

Enzo Sciabica

Il porto non può essere solo degli addetti ai lavori

Il comunicato della Filiera non fa che rafforzare il sospetto di mire per l'area della cosiddetta Colmata B. L'area portuale, se la Colmata B ne è parte integrante, non può essere solo appannaggio degli "addetti ai lavori". Lo ha lasciato comprendere anche Tommaso Macaddino il 14/3/2000, aderente alla Filiera Ittica, allora in rappresentanza della UIL-CGIL-CISL. Esibisca la Filiera la "ricerca rigorosa", lo studio per capire il motivo per cui non sarebbe possibile scaricare i fanghi in Colmata B e, con le leggi alla mano, tutti potremo eventualmente prenderne atto. La movimentazione dei materiali dragati oggi costa di più, ma se lo vuole la legge (motivazioni validissime, inoppugnabili) che facciamo ci giriamo dall'altra parte o non si faremo più dragaggi? Tutto dipende da ciò che si programma e da ciò che si chiede. Volere espandere il porto al limite della spiaggia di Tonnarella, come si può percepire anche dal comunicato della Filiera, senza le adeguate Valutazioni ambientali, come volute dalla legge, non porta a niente. Lo facciano presente i rappresentanti della Filiera a chi potrebbe consigliarli male.

CGIL Mazara. Riorganizzazione del sistema di rete dell’emergenza-urgenza della Regione Siciliana

Valenziano

Concordo

Concordo con il dr. Gancitano

La CGIL di Mazara interviene sul Porto Canale

Valenziano

Unità

Ricapitoliamo. La FLAI - CGIL fa parte del coordinamento della filiera ittica ed è favorevole al dragaggio secondo le modalità previste fin dall'inizio, conformi alla normativa e compatibili con il piano regolatore portuale. Invece la CGIL - camera del lavoro preferisce fare dei distinguo, che, francamente, suonano incomprensibili . Riempire la colmata risponde ad una precisa previsione di piano che si presume nota alla Camera del lavoro, e non da ora. Ancor più incomprensibile, però, l'appello pubblico ad un'unità, la cui mancanza, a quanto si vede, è tutta interna alla CGIL.

Questo portale é pienamente compatibile con le ultime versioni dei browser IE, Chrome, Firefox, Opera e Safari. Se la navigazione non risultasse ottimale, aggiornare il sistema.