venerdì 23 giugno 2017 - Aggiornato alle 13:47 - Utenti connessi: 0

Cultura

CulturaMazara. Arte e Cultura con i progetti “Connecting & Creating” e “Ceramiche in Citta’”

Inaugurata ieri al Collegio dei Gesuiti di Mazara del Vallo la mostra “Una Città di Mare e di Terra” dell’artista Viola Niccolai. La mostra sarà fruibile sino al prossimo 20 maggio dalle ore 10 alle ore 13 e dalle ore 15,30 alle ore 18,30 e fa parte del progetto “Ceramiche in Città” che insieme al progetto “Connecting & Creating” viene realizzato dal Comune con le associazioni Olvier, Autonome Forme e Amunì grazie a due distinti finanziamenti regionali nell’ambito del Po Fers 2007-2013.

L’artista e illustratrice Viola Niccolai, già selezionata per la mostra degli illustratori della Fiera di Bologna 2012 e alla biennale d’illustrazione d’Ilustrarte a Lisbona nel 2014 e nel 2016, è stata a Mazara del Vallo per 4 giorni visitando luoghi, partecipando ad eventi ed ha alla fine realizzato un lavoro artistico con svariate tecniche che raccolgono frammenti del tessuto urbano e dei costumi mazaresi. I suoi fotogrammi d’arte sono esposti nelle rinnovate sale del piano terra del Collegio dei Gesuiti, nella parte retrostante il chiostro che sbocca nella via Tortorici. Le stesse sale, che sono state oggetto di interventi di manutenzione ed adeguamento a sale museali e di laboratorio, grazie ad una parte del finanziamento di “Connecting & Creating” per circa 100 mila euro, ospitano già le mappe artistiche della Città realizzate dagli alunni di scuole elementari mazaresi che hanno partecipato al primo laboratorio progettuale coordinato dal noto graphic designer Pietro Corraini, autore de “Manuale di immagine NON coordinata» e direttore della rivista Un Sedicesimo.

Per il progetto “Connecting & Creating” finanziato con 280 mila euro, sono 9 le azioni culturali previste (delle quali è già stato realizzato il workshop di Pietro Corraini, mentre tra oggi ed il 22 aprile sarà realizzata la mostra dell’illustratrice e fotografa Caterina Gabelli e dell’art director Sara Maragotto dello studio Fludd). E’ stata inoltre già realizzata l’azione infrastrutturale dell’adeguamento delle sale museali del Collegio dei gesuiti. Il progetto prevede anche la copertura dei costi di ospitalità degli artisti partecipanti al Sistema delle Reti Culturali.

Per il progetto “Ceramiche in Città” finanziato con 220 mila euro, sono 10 le azioni culturali previste, una delle quali è già realizzata (la mostra di Viola Niccolai), mentre l’azione infrastrutturale prevista e realizzata riguarda un’ala del Giardino degli Emiri, con adeguamento dei locali per sala museale e laboratorio, la realizzazione di un forno per la lavorazione della ceramica ed un sistema fotovoltaico per l’alimentazione dello stesso forno. Anche in questo caso il finanziamento copre i costi di ospitalità degli artisti.

I due eventi culturali già realizzati e quello in corso di realizzazione dello studio Fludd sono una sorta di prologo alle altre azioni. I dettagli su tutte le azioni culturali e sui due progetti "Connecting & Creating" e "Ceramiche in Città" saranno illustrati mercoledì 26 aprile alle ore 11,00 nella sala La Bruna del Collegio dei Gesuiti.

Interverranno insieme a rappresentanti della Giunta Municipale, gli architetti Bianca Asaro e Tatiana Perzia, coprogettisti per il Comune, i responsabili delle Associazioni promotrici Oliver, Autonome Forme e Amunì, nonché gli architetti Bart Reuser, Marijn Schenk, Eric-Jan Pleijster e Fatma Zohra Sakka, che proprio a partire dal 26 aprile realizzeranno 4 progetti espositivi.

 

Mazara del Vallo, 20 aprile 2017

 

comunicato stampa

20/4/2017 | 12:40

© RIPRODUZIONE RISERVATA Visualizzazioni 12  |  di Redazione , autore

Commenta la News

Il mio indirizzo IP sará registrato Invia il commento

Telegiornali

Interviste

Calcio

GLI ULTIMI COMMENTI

Mazara. Riunione operativa per il Festino di San Vito 2017

Commendatore Santi Barbera

Dimenticanza istituzione

Alla riunione era presente anche il Sovrano Ordine di San Giovanni di Gerusalemme "Cavalieri di Malta" rappresentato da il Priore di Sicilia Comm. Santi Barbera, come mai ci hanno dimenticato?

Mazara. Donna travolta da auto. Ha riportato diverse ferite

linogalici@libero.it

Correzione di percorso

La donna è stata portata direttamente all'ospedale di Marsala, per un adeguato controllo, visto che il nostro ospedale riceve solo cod. rosso, vorrei capire che tipo di pazienti devono accogliere.

Mazara. In fase di ultimazione i lavori di arredo e sistemazione dell’area tra le vie Emilia Romagna e Veneto

cittadino delle periferie

quali periferie?

Quali periferie cerca di recuperare il Signor sindaco? Ha mai visitato le strade mai asfaltate della citta? Via Bernhard Berenson, per esempio, una delle strade più disastrate di Mazara del Vallo. Invece di mettere le piastrelle sulla scalinata delle vie di cui all'articolo avrebbe fatto meglio a dare ad altre vie i servizi di prima urbanizzazione. in via Berenson abita gente da più di 50 anni.

Spese pazze all’ARS. Archiviazione per Toni Scilla ed altri 17 deputati

Gory

Furti Autorizzati

Che ci lamentiamo a fare, se la magistratura autorizza lo sperpero del denaro pubblico!

Appello del Coordinamento all'unità per il porto di Mazara

Enzo Sciabica

Il porto non può essere solo degli addetti ai lavori

Il comunicato della Filiera non fa che rafforzare il sospetto di mire per l'area della cosiddetta Colmata B. L'area portuale, se la Colmata B ne è parte integrante, non può essere solo appannaggio degli "addetti ai lavori". Lo ha lasciato comprendere anche Tommaso Macaddino il 14/3/2000, aderente alla Filiera Ittica, allora in rappresentanza della UIL-CGIL-CISL. Esibisca la Filiera la "ricerca rigorosa", lo studio per capire il motivo per cui non sarebbe possibile scaricare i fanghi in Colmata B e, con le leggi alla mano, tutti potremo eventualmente prenderne atto. La movimentazione dei materiali dragati oggi costa di più, ma se lo vuole la legge (motivazioni validissime, inoppugnabili) che facciamo ci giriamo dall'altra parte o non si faremo più dragaggi? Tutto dipende da ciò che si programma e da ciò che si chiede. Volere espandere il porto al limite della spiaggia di Tonnarella, come si può percepire anche dal comunicato della Filiera, senza le adeguate Valutazioni ambientali, come volute dalla legge, non porta a niente. Lo facciano presente i rappresentanti della Filiera a chi potrebbe consigliarli male.

Questo portale é pienamente compatibile con le ultime versioni dei browser IE, Chrome, Firefox, Opera e Safari. Se la navigazione non risultasse ottimale, aggiornare il sistema.