sabato 29 aprile 2017 - Aggiornato alle 14:38 - Utenti connessi: 0

Attualità

AttualitàTribunale, uso scorretto cellulare causa tumore

Sentenza a Ivrea. Legali, Inail condannata a risarcire dipendente azienda

(ANSA) - "Per la prima volta una sentenza riconosce un nesso tra l'uso scorretto del cellulare e lo sviluppo di un tumore al cervello". Lo annunciano gli avvocati Renato Ambrosio e Stefano Bertone, dello studio legale torinese Ambrosio e Commodo.

Il Tribunale di Ivrea ha infatti condannato l'Inail a corrispondere una rendita vitalizia da malattia professionale al dipendente di una azienda cui è stato diagnosticato il tumore dopo che per 15 anni ha usato il cellulare per più di tre ore al giorno senza protezioni.

La sentenza, resa nota oggi dagli avvocati, è dello scorso 30 marzo. Il giudice del lavoro del Tribunale di Ivrea, Luca Fadda, riconosce che il tumore, benigno ma invalidante, contratto dall'uomo è stato causato dall'uso scorretto del cellulare.

"Speriamo che la sentenza spinga ad una campagna di sensibilizzazione, che in Italia non c'è ancora", afferma l'avvocato Stefano Bertone. "Come studio - aggiunge - abbiamo aperto il sito www.neurinomi.info, dove gli utenti possono trovare anche consigli sull'utilizzo corretto del telefonino".

"Non voglio demonizzare l'uso del telefonino, ma credo sia necessario farne un uso consapevole". Lo afferma Roberto Romeo, dipendente di una grande azienda italiana di 57 anni, a cui il Tribunale di Ivrea ha riconosciuto una rendita vitalizia da malattia professionale accogliendo il ricorso dei suoi legali. "Ero obbligato ad utilizzare sempre il cellulare per parlare con i collaboratori e per organizzare il lavoro - racconta l'uomo -. Per 15 anni ho fatto innumerevoli telefonate anche di venti e trenta minuti, a casa, in macchina. Poi ho iniziato ad avere la continua sensazione di orecchie tappate, di disturbi all'udito. E nel 2010 mi è stato diagnosticato il tumore. Ora non sento più nulla dall'orecchio destro perché mi è stato asportato il nervo acustico".

 

(ANSA)

20/4/2017 | 12:22

© RIPRODUZIONE RISERVATA Visualizzazioni 54  |  di Redazione , autore

Commenta la News

Il mio indirizzo IP sará registrato Invia il commento

Telegiornali

Interviste

Calcio

GLI ULTIMI COMMENTI

Mazara. In fase di ultimazione i lavori di arredo e sistemazione dell’area tra le vie Emilia Romagna e Veneto

cittadino delle periferie

quali periferie?

Quali periferie cerca di recuperare il Signor sindaco? Ha mai visitato le strade mai asfaltate della citta? Via Bernhard Berenson, per esempio, una delle strade più disastrate di Mazara del Vallo. Invece di mettere le piastrelle sulla scalinata delle vie di cui all'articolo avrebbe fatto meglio a dare ad altre vie i servizi di prima urbanizzazione. in via Berenson abita gente da più di 50 anni.

Spese pazze all’ARS. Archiviazione per Toni Scilla ed altri 17 deputati

Gory

Furti Autorizzati

Che ci lamentiamo a fare, se la magistratura autorizza lo sperpero del denaro pubblico!

Appello del Coordinamento all'unità per il porto di Mazara

Enzo Sciabica

Il porto non può essere solo degli addetti ai lavori

Il comunicato della Filiera non fa che rafforzare il sospetto di mire per l'area della cosiddetta Colmata B. L'area portuale, se la Colmata B ne è parte integrante, non può essere solo appannaggio degli "addetti ai lavori". Lo ha lasciato comprendere anche Tommaso Macaddino il 14/3/2000, aderente alla Filiera Ittica, allora in rappresentanza della UIL-CGIL-CISL. Esibisca la Filiera la "ricerca rigorosa", lo studio per capire il motivo per cui non sarebbe possibile scaricare i fanghi in Colmata B e, con le leggi alla mano, tutti potremo eventualmente prenderne atto. La movimentazione dei materiali dragati oggi costa di più, ma se lo vuole la legge (motivazioni validissime, inoppugnabili) che facciamo ci giriamo dall'altra parte o non si faremo più dragaggi? Tutto dipende da ciò che si programma e da ciò che si chiede. Volere espandere il porto al limite della spiaggia di Tonnarella, come si può percepire anche dal comunicato della Filiera, senza le adeguate Valutazioni ambientali, come volute dalla legge, non porta a niente. Lo facciano presente i rappresentanti della Filiera a chi potrebbe consigliarli male.

CGIL Mazara. Riorganizzazione del sistema di rete dell’emergenza-urgenza della Regione Siciliana

Valenziano

Concordo

Concordo con il dr. Gancitano

La CGIL di Mazara interviene sul Porto Canale

Valenziano

Unità

Ricapitoliamo. La FLAI - CGIL fa parte del coordinamento della filiera ittica ed è favorevole al dragaggio secondo le modalità previste fin dall'inizio, conformi alla normativa e compatibili con il piano regolatore portuale. Invece la CGIL - camera del lavoro preferisce fare dei distinguo, che, francamente, suonano incomprensibili . Riempire la colmata risponde ad una precisa previsione di piano che si presume nota alla Camera del lavoro, e non da ora. Ancor più incomprensibile, però, l'appello pubblico ad un'unità, la cui mancanza, a quanto si vede, è tutta interna alla CGIL.

Questo portale é pienamente compatibile con le ultime versioni dei browser IE, Chrome, Firefox, Opera e Safari. Se la navigazione non risultasse ottimale, aggiornare il sistema.