venerdì 23 giugno 2017 - Aggiornato alle 13:47 - Utenti connessi: 0

Cronaca

CronacaStrasatti. Un arresto per tentata rapina e resistenza a Pubblico Ufficiale

I Carabinieri della Stazione di Petrosino, diretti dal Luogotenente Andrea D’INCERTO, hanno tratto in arresto per i reati di tentata rapina e resistenza a Pubblico Ufficiale, DE VITA Agostino, marsalese di 35 anni, grazie ad un tempestivo ed efficace intervento, in risposta alla richiesta di soccorso del proprietario di un Bar di contrada Strasatti.

Tutto è accaduto la scorsa notte tra Lunedì e Martedì quando ai Carabinieri è pervenuta la richiesta di intervento proveniente dall’esercizio commerciale per un tentativo di rapina in atto. Il DE VITA infatti si era introdotto nel bar con l’intento di farsi consegnare una somma di denaro dietro la minaccia di far del male ai proprietari del punto di ristoro.

Giunti sul posto i militari della Stazione avevano modo di constatare ancora minacce del DE VITA nei confronti del proprietario del locale, atteso che anche la presenza dei Carabinieri non lo aveva minimamente fatto desistere dal suo intento. Bloccato dagli intervenuti, il DE VITA veniva, non senza difficoltà, fatto salire sull’autovettura per essere condotto in caserma per gli accertamenti del caso.

Al termine degli stessi, considerate le minacce proferite contro i gestori del bar, anche in presenza dei Carabinieri, ed inoltre la resistenza posta all’intervento dei militari dell’Arma, il DE VITA veniva tratto in arresto e, su disposizione della Procura della Repubblica, tradotto presso le camere di sicurezza della Caserma di via Mazara, ove è rimasto in attesa dell’udienza da svolgersi il giorno successivo.

All’esito della stessa, il giudice del Tribunale Lylibetano, convalidando l’operato dei militari, non disponendo alcuna misura cautelare per il DE VITA, poiché incensurato, ed infine rinviando ai prossimi mesi l’esecuzione del processo a suo carico.

 

comunicato stampa

20/4/2017 | 12:11

© RIPRODUZIONE RISERVATA Visualizzazioni 93  |  di Redazione , autore

Commenta la News

Il mio indirizzo IP sará registrato Invia il commento

Telegiornali

Interviste

Calcio

GLI ULTIMI COMMENTI

Mazara. Riunione operativa per il Festino di San Vito 2017

Commendatore Santi Barbera

Dimenticanza istituzione

Alla riunione era presente anche il Sovrano Ordine di San Giovanni di Gerusalemme "Cavalieri di Malta" rappresentato da il Priore di Sicilia Comm. Santi Barbera, come mai ci hanno dimenticato?

Mazara. Donna travolta da auto. Ha riportato diverse ferite

linogalici@libero.it

Correzione di percorso

La donna è stata portata direttamente all'ospedale di Marsala, per un adeguato controllo, visto che il nostro ospedale riceve solo cod. rosso, vorrei capire che tipo di pazienti devono accogliere.

Mazara. In fase di ultimazione i lavori di arredo e sistemazione dell’area tra le vie Emilia Romagna e Veneto

cittadino delle periferie

quali periferie?

Quali periferie cerca di recuperare il Signor sindaco? Ha mai visitato le strade mai asfaltate della citta? Via Bernhard Berenson, per esempio, una delle strade più disastrate di Mazara del Vallo. Invece di mettere le piastrelle sulla scalinata delle vie di cui all'articolo avrebbe fatto meglio a dare ad altre vie i servizi di prima urbanizzazione. in via Berenson abita gente da più di 50 anni.

Spese pazze all’ARS. Archiviazione per Toni Scilla ed altri 17 deputati

Gory

Furti Autorizzati

Che ci lamentiamo a fare, se la magistratura autorizza lo sperpero del denaro pubblico!

Appello del Coordinamento all'unità per il porto di Mazara

Enzo Sciabica

Il porto non può essere solo degli addetti ai lavori

Il comunicato della Filiera non fa che rafforzare il sospetto di mire per l'area della cosiddetta Colmata B. L'area portuale, se la Colmata B ne è parte integrante, non può essere solo appannaggio degli "addetti ai lavori". Lo ha lasciato comprendere anche Tommaso Macaddino il 14/3/2000, aderente alla Filiera Ittica, allora in rappresentanza della UIL-CGIL-CISL. Esibisca la Filiera la "ricerca rigorosa", lo studio per capire il motivo per cui non sarebbe possibile scaricare i fanghi in Colmata B e, con le leggi alla mano, tutti potremo eventualmente prenderne atto. La movimentazione dei materiali dragati oggi costa di più, ma se lo vuole la legge (motivazioni validissime, inoppugnabili) che facciamo ci giriamo dall'altra parte o non si faremo più dragaggi? Tutto dipende da ciò che si programma e da ciò che si chiede. Volere espandere il porto al limite della spiaggia di Tonnarella, come si può percepire anche dal comunicato della Filiera, senza le adeguate Valutazioni ambientali, come volute dalla legge, non porta a niente. Lo facciano presente i rappresentanti della Filiera a chi potrebbe consigliarli male.

Questo portale é pienamente compatibile con le ultime versioni dei browser IE, Chrome, Firefox, Opera e Safari. Se la navigazione non risultasse ottimale, aggiornare il sistema.