venerdì 24 febbraio 2017 - Aggiornato alle 18:24 - Utenti connessi: 112

Sport

SportBasket Mazara mette il turbo e travolge Virtus Ragusa, si va alle semifinali!!

Sontuosa prestazione dell’A. S. D Basket Mazara, che vince tra le mura amiche gara 2 contro Ragusa e conquista il “lascia passare” per le semifinali. Dopo gara 1 vinta in rimonta contro un’ottima Virtus Ragusa, ci si aspettava un match altrettanto combattuto in gara 2, ma i ragazzi dicoach Bonanno hanno disatteso le aspettative, mettendo sotto l’avversario dal primo all’ultimo minuto, con un mix di “fame di vittoria” e di furore agonistico hanno chiuso il match in meno di 30 minuti cogliendo di sorpresa i ragazzi di coach Di Gregorio, venuti in trasferta decisi a restituire lo smacco subito in gara 1, ma descriviamo la vittoria passo per passo…

Partenza fulminante dei padroni di casa, che già nelle prime battute di gioco mettono in campo con decisione il desiderio di chiudere la qualificazione dentro casa, Warwick è il primo giocatore ad andare a segno ( e sarà uno dei migliori in campo, MVP in quanto miglior realizzatore con 27 punti), rispondono gli ospiti con Alessandro Sorrentino e nella prima metà della prima frazione assistiamo ad un match molto equilibrato con le 2 squadre che si rispondono colpo su colpo, poi i padroni di casa ingranano la marcia, e spinti da un grande Jovic ( autentico dominatore sotto le plance) prendono qualche punto di vantaggio e chiudono la prima frazione in vantaggio con il punteggio di19-12. Nella seconda frazione assistiamo allo show di Warwick, che dimostra una grande freschezza atletica con un’ottima difesa e una grande freddezza nelle azioni offensive, oltre a lui si mette in mostra anche il capitano Lottatori, un uomo che si fa trovare sempre pronto nelle partite che contano, mentre tra gli ospiti oltre al solito Alessandro Sorrentino ( il fratello Andrea rientra da un infortunio e non è al meglio), si mettono in evidenza anche Licitra e Iabichella ( il migliore tra gli ospiti), il divario continua ad aumentare e le 2 squadre vanno al riposo lungo con il
punteggio di 40-26.

Al rientro dagli spogliatoi quando ci si aspetta perlomeno un tentativo di ripresa da parte degli avversari, e si teme una rimonta come quella effettuata da noi al PalaPadua Domenica scorsa, veniamo subito smentiti dai ritmi forsennati dei padroni di casa, Raselli sembra “speedy gonzales”, Lottatori piazza tiri con una semplicità imbarazzante, e i solitiJovic e Warwick sovrastano l’avversario nel pitturato, virtuossini in bambola, e accenno di reazione con i soli Mammana e Iabichella che cercano di tenere la propria squadra ancora in partita, coach Di Gregoriocerca anche di sorprendere i padroni di casa con un zone press a tutto campo, ma il copione non cambia e i canarini sembrano leoni. Proprio allo scadere della terza frazione viene fischiato un tecnico ad Alessandro Sorrentino, e si va in panca con il punteggio che vede la squadra mazarese avanti 67-40.

L’ultima frazione comincia con Lottatori che fa 2 su 2 nei liberi per il tecnico fischiato al termine della terza frazione, e da lì in poi gli avversari tenteranno senza tanta convinzione di accorciare nuovamente le distanze, ma Pezzarossa e Lottatori mettono fine in pochi minuti alle residue speranze della squadra ospite che con Iabichella e Mammanaaveva cercato una reazione. Coach Bonanno comincia il valzer delle sostituzioni, mandando in campo Anteri, Miceli e Tumbiolo, che prendono il posto di Leone, Jovic e Warwick, anche coach Di Gregorio fa ruotare tutti gli elementi a disposizione in panchina, con dei giovani interessanti come Pace e Pellegrino, la partita termina
qualche minuto dopo con il punteggio finale di 89-57.

Questa partita è stata un capolavoro di tutta la squadra, bravo coach Bonanno a preparare bene l’incontro nei minimi particolari, bravo il preparatore che prepara sempre al meglio i ragazzi fisicamente, e bravi a tutti loro che hanno disputato la partita perfetta, contro un avversario di assoluto valore, ma sminuito dalla voglia di vittoria della squadra mazarese. Adesso ci attendono le semifinali, non sappiamo chi tra Licata e Cefalù sarà il nostro prossimo avversario, si dovrà aspettare gara 3 per conoscerne il nome, di sicuro chiunque sia, se giochiamo come sappiamo non abbiamo paura di nessuno, visto e considerato che un altro Cus Messina per fortuna in questa stagione non c’è. Complimenti anche al pubblico numeroso e caloroso come sempre, sarete sempre il nostro 6 uomo.

I TABELLINI: Basket Mazara 89-57 Nova Virtus Ragusa ( 19-12/21-14/27-14/22-17)

Mazara: Warwick 27; Jovic 21; Lottatori 18; Pezzarossa 11; Raselli 10; Leone 2; Miceli;
Tumbiono; Anteri; Agate n.e.

Ragusa: Iabichella 19; Sorrentino Aless 9; Mammana 7; Sorrentino Andrea 6; Di Stefano Enrico 6;
Mormino 2; Di Stefano Matteo 2; Licitra 2; Pace 2; Pellegrino 2; Di Grandi; Ferlito.

Arbitri: Rubera-Fichera

Foto e fonte: Vincenzo Pernice

 

25/4/2013 | 19:04

© RIPRODUZIONE RISERVATA Visualizzazioni 119  |  di Redazione , autore

Commenta la News

Il mio indirizzo IP sará registrato Invia il commento

Telegiornali

Interviste

Calcio

GLI ULTIMI COMMENTI

Sicilia. Giunta, con esercizio provvisorio approvato un fondo con importo medio di 10mila euro annui per disabili gravissimi

Valenziano

Ed io pago!!

Avete capito perché aumentano l'IVA? Per salvare le province. Un ente inutile, che i cittadini non vogliono più e che si sperava si riuscisse finalmente ad abolire. Invece non ce la si fa perché ai politici le province servono. Servono a 'selezionare la classe dirigente' hanno detto. Ed io pago...

Dragaggio del porto di Mazara del Vallo o colmata B ?

Valenziano

Confusione

Non c'è alcun motivo di fare 'confusione' tra 'dragaggio' e 'smaltimento' e colmata. E' la legge sui dragaggi a prevedere, come forma di smaltimento preferibile, il conferimento dei detriti da escavazione in 'ambienti conterminati' ( D.M. n° 173/2016). Così come non si capisca perché si debba fare confusione tra Piano Regolatore Portuale, Piano Regolatore generale e normativa ambientale. Il PRP vigente è quello del 1971, ed è stato più volte aggiornato in conformità al Piano Comprensoriale n° 1 del 1977. Tutti gli aggiornamenti prevedono le opera di colmata A e B e non è affatto vero che quella del 1991 l'avrebbe 'bocciata'. Ho davanti il testo del decreto n° 1904/'91 ed è diverso da quello riportato da Sciabica. Venendo alla normativa ambientale, se è vero che 5 delle 6 zone RAMSAR di Mazara sono molto vicine fra di loro, è anche vero che l'Italia, come Nazione nel suo complesso, si è impegnata, con l'omonima convenzione Internazionale, a realizzarne una , una soltanto nel suo territorio. Quindi, se anche fossero solo 2 nel territorio di Mazara, direi che bastano ed avanzano. Si completi piuttosto il porto, di cui Mazara ha gran bisogno.

Riscossione Sicilia, così la cartella esattoriale è a portata di clic

c. di blasi

Parole, parole, e nulla più......

400 mila euro spesi solo per il piacere di spenderli, senza verificare il buon esito del progetto, quello che interessava al dott. fiumefreddo era spendere e così è stato, per i contribuenti il calvario continua ancora oggi perchè è impossibile riuscire ad avere quel benedetto pin che ti permette di vedere la propria posizione debitoria all'interno di Sicilia Servizi. Puoi tentare di richiedere il Pin attraverso un fax, con e-mail, attraverso il numero il numero verde, niente nessuno ti risponde. Sicuramente i 400mila euro spesi erano pochi, di conseguenza il progetto sarà rimasto incompleto, di impiegati furbetti l'Italia è piena, ma di Dirigenti e politici furbastri è stracolma

Mazara. Cristaldi: "basta con le pastoie burocratiche della Regione sul Porto"

Valenziano

A proposito di acquitrini

L'unica cosa discutibile dell'operazione di pulizia dei fondali è che non fu completata. Da cui l'odierno problema rappresentato dal fatto che qualche esemplare di uccello, distolto dalle pregiate oasi naturalistiche di cui il territorio mazarese dispone, ( e che sarebbe il caso di valorizzare e rilanciare ), plani su un estemporaneo acquitrino, insalubre per la popolazione residente e villeggiante, particolarmente in un momento storico il cui le zanzare sono tornate a rappresentare un serio problema, ma lasciando credere ad enti distanti dal territorio, poco informati, o che non hanno avuto modo di approfondire tutti i termini della questione, che si tratti di eco-sistemi naturali da salvaguardare, quando invece altro non v'è che da completare l'opera. Spiace che il Comune, verosimilmente ritenendola scontata, non abbia avuto modo di spiegare la situazione per tempo all'ISPRA, cui, in ogni caso, essendo un mero istituto di ricerca,non compete alcun potere al riguardo. Ovviamente Valutazione Ambientale strategica e relazione paesaggistica c'entrano molto poco. Né si capisce perché il Sindaco dovrebbe approfondire la cosa con il sig. Sciabica che non mi risulta essere titolare di alcuna carica, incarico o posizione particolare al riguardo.

Dragaggio porto canale di Mazara, Tumbiolo: “la Regione rispetti le sue stesse leggi”

Valenziano

Piani & colmate

Il sig. Sciabica si sbaglia. Il PRP di Mazara risale addirittura al 1952 ed è stato ripetutamente aggiornato con varianti di iniziativa governativa prima e regionale successivamente, in conformità, tra l'altro, al vigente piano comprensoriale. Sia la colmata 'A', che la colmata B sono interventi regolarmente previsti ed approvati. Nel 1991 fu approvata un'ulteriore variante con prescrizioni che non riguardavano la colmata B. Sciabica poi confonde il PRP con il PRG della città, risalente al 2003, che non riguarda il porto, di competenza regionale, anzi si 'arresta', secondo l'espressione usata dal progettista Di Cristina, proprio in corrispondenza dell'area portuale, nel rispetto delle superiori competenze regionali. Che non possono certo essere pregiudicate da un atto di Consiglio Comunale.

Questo portale é pienamente compatibile con le ultime versioni dei browser IE, Chrome, Firefox, Opera e Safari. Se la navigazione non risultasse ottimale, aggiornare il sistema.